Microsoft non rilascerà più aggiornamenti di sicurezza gratuiti per Windows 7 a partire da gennaio 2020.

Per evitare costi aggiuntivi e complicazioni legate ad uno stato di non conformità, conviene migrare fin d’ora a Windows 10.

Un’infografica concisa e chiara illustra un percorso di migrazione in cinque tappe, avvalendosi delle soluzioni Ivanti Unified Endpoint Manager e File Director. Potete distribuire agli utenti il sistema operativo, le applicazioni e i profili utente di cui hanno bisogno per restare sempre produttivi, e allo stesso tempo impostare i processi di aggiornamento che vi servono per restare al passo con le release di Microsoft.

Fonte: sogesi.itRichiedete una consulenza

Facebook
LinkedIn
Twitter
RSS
X